A.D. 2017

Gli auguri che ci siamo scambiati avevano come contenuto, la buona salute e la buona sorte per l’ anno nuovo. Molto bello. Ma ci chiedevamo se tutto questo tempo abbia cambiato la società, con particolare attenzione alla nostra gente, i siciliani. La storia racconta di un popolo sottomesso e la letteratura parla di un popolo servile per cultura, che cerca di vivere ottenendo il favore di un Sua eccellenza di turno, preferibilmente forestiero, un popolo refrattario alla propria storia e tradizioni. E’ ancora cosi ?
Annu do Signuri 2017
L’ auguri ca ni ficimu vulevunu riri bona saluti e bona sotti pi l’ annu novu. Bellu assai.
Ma pinsaumu su dopu tuttu stu tempu i siciliani cancianu o aristanu sempri i stissi. A storia parra di n’ populu suttamisu e a letteratura parra di n’ populu di sevvi ca cecca sempri u favuri do pattruni, megghiu su è furasteri, n’ populu refrattariu a so storia e tradizioni. E’ ancora accussi ?